TOP

Molto spesso quando si parla di catcalling, nell'immaginario collettivo, si pensa che sia l'uomo che fischia ad una donna e in effetti la maggior parte delle volte è così. Come mai? Non è tanto perchè l'uomo è “un porco” e

In copertina: Fotografia di Amy Guip Ho avuto la fortuna, lo ammetto, di aver due genitori corretti, due persone che, cioè, hanno sempre avuto l’energia, il tempo, la voglia di spiegarmi le cose, di educarmi, di coinvolgermi.Quando per la prima

Questa intervista a Linda Porn è apparsa il 13 novembre 2020 a cura di Abel Cobos sul media di informazione e intrattenimento Codigo Nuevo. Abbiamo deciso di tradurla con il consenso dell’artista intervistata perché riteniamo fondamentale riflettere sulla riproduzione delle forme

La circostanza in cui un uomo (mansplainer) si senta autorizzato a puntualizzare e/o a precisare tematiche e argomenti, nonostante sia meno competente del suo interlocutore, soltanto perché di sesso femminile, rimanda all’idea che la parola di quest’ultima abbia

Immagine in Copertina foto Bettina Flitner / Contrasto Intervento di Sara Gandini per i SETTANTACINQUE ANNI della CASA DELLA CULTURA di Milano, Martedì 16 marzo 2021 Primo Seminario Rossana Rossanda dal titolo "Contraddizione donna. La rivoluzione più lunga" https://www.casadellacultura.it/1209/settantacinque-anni-di-casa-della-cultura Titolo del mio intervento:

L’accusa: “Gli uomini sono violenti!” - È più che ovvio che tanti uomini, a questa frase ancora troppo spesso diffusa da persone e da media, reagiscano con stizza o con indifferenza. Probabilmente non gli è del tutto chiaro, ma quella

Categorie

POSSONO BLOCCARE LE DELEGAZIONI, MA NON FERMERANNO LA PRIMAVERA

Un’intervista a Federico Venturini, uno dei membri della Delegazione internazionale per la pace e la libertà bloccata nel Kurdistan iracheno sabato 12 giugno Quella che segue è un’intervista a Federico Venturini, ricercatore dell’Università di Udine e membro della Delegazione Internazionale […]

Non dobbiamo sconfiggere il razzismo

Non ho mai voglia di parlare di razzismo. E, devo dire, non ne conosco la reale ragione. Non ho mai  voluto indagare più di tanto. Quel che so, è che la mia mente – e di riflesso il mio corpo […]

Gli Occhi del Covid Maggio: L’India, I Simpson e Biancaneve

Siamo dunque giunti al numero dieci, signor* e signor*. Chi l’avrebbe mai detto?! Io no di certo, mi aspettavo di venire silurato prima. Non è mica facile scrivere cazzate senza sforare i limiti della decenza. Stavolta partiamo da quello che, […]

Emergenza climatica: Possiamo sperare nel Mose?

Parlare del Mose non vuol dire soltanto parlare di una grande opera e della sua travagliatissima storia : vuol dire parlare del destino di una città ma anche ragionare su come i cambiamenti climatici possono condizionare, e forse addirittura travolgere […]

DDL Zan: una legge pluralista

Il DDL Zan è al centro di uno scontro non solo politico, ma anche culturale: viene attaccato rivolgendogli principalmente due capi di accusa. Il primo fa leva sull’inutilità della legge, dal momento che le aggravanti per futili motivi già esistono; […]

È difficile mettere d’accordo anche solo due persone su chi sia la figura più significativa per la storia della nostra regione. Molti riconoscono in Gamal Abdel Nasser, Saddam Hussein, Hafez al-Assad, o anche nel re Faisal bin Abdul Aziz o

Immagine in copertina di: ilpuntoquotidiano "Oggi ci troviamo di fronte a una sfida che richiede un cambiamento nel nostro pensiero, in modo che l'umanità smetta di minacciare il suo sistema di supporto vitale. Siamo chiamati ad aiutare la Terra a guarire

La preistoria e le nostre origini dimenticate Siamo abituati a pensare al patriarcato come a qualcosa che è sempre esistito, così come ci viene spesso ripetuto che l’essere umano è sempre stato così, competitivo, dominante e pronto a fare la guerra.

Esattamente come è avvenuto nelle altre discipline accademiche, anche la storiografia ha risentito dell'impronta patriarcale. Sono poche le donne che figurano nei manuali e nei saggi storici e non solo in conseguenza della subalternità cui la società le ha costrette.